La partita amichevole in programma domani, sabato 10 ottobre alle 18, sul campo ardenzino ‘Carlo Montano’, tra il Livorno Rugby (serie B) e i Cavalieri Prato/Sesto (serie A) sarà disputata a porte chiuse. Per i biancoverdi si tratta dell’esordio assoluto della nuova stagione: è la prima gara da giocare dopo la sospensione e l’annullamento dell’annata 2019/20. L’ultima uscita dei labronici risale allo scorso 16 febbraio, alla vittoria, colta in extremis sul campo dell’Imola (31-26 per gli ospiti il punteggio, con meta decisiva siglata al 79’ da Zeno Menicucci). I Cavalieri, che non nascondono propositi bellicosi in vista del nuovo torneo di A (sono inseriti nel girone 3, il raggruppamento del sud), la scorsa domenica hanno affrontato e battuto, 31-7, a Sesto, in amichevole, il Florentia. La partita con i Cavalieri servirà all’allenatore dei livornesi Marco Zaccagna come tappa di avvicinamento al campionato di B, girone 2 (il raggruppamento del centro Italia), al via il 15 novembre. Nelle prime cinque domeniche del torneo, senza soluzione di continuità, i biancoverdi giocheranno cinque partite delicate ed importanti. Già a Natale, o meglio alla pausa di quattro settimane da osservare dal 13 dicembre al 10 gennaio, in concomitanza con le festività di fine anno, ci sarà, nella lotta al vertice, un quadro piuttosto chiaro. Un po’ come succede nel giro d’Italia di ciclismo: bastano le prime tappe per individuare chi ‘non chiuderà la corsa in rosa’. Nello specifico, nel campionato di rugby di B, solo le prime classificate di ciascun girone accederanno ai play-off. Le formazioni che già a metà dicembre, accuseranno un distacco piuttosto severo dalla vetta, difficilmente potranno ambire al salto di categoria e, loro malgrado, dovranno accontentarsi di un’annata di transizione. Il Livorno Rugby debutterà nel torneo 2020/21 nel derby cittadino ‘esterno’ (al ‘Priami’ di Stagno) con i Lions Amaranto Livorno. Poi il 22 novembre gara interna con il Florentia. La settimana successiva, match sul campo dell’Imola. Il 6 dicembre sfida casalinga con la Roma Olimpic e il 13 trasferta a Parma, con il Valorugby Emilia cadetto. Il lunghissimo stop agonistico imposto dall’emergenza della pandemia del Covid-19 rappresenta un’incognita per tutti quanti. Una delle poche certezze è che, per il Livorno Rugby, le cinque gare di cui sopra avranno un peso rilevante per l’intera stagione, la nona consecutiva da vivere in B.