A sorpresa, i Cavalieri sono stati disarcionati. Sul terreno amico ‘Carlo Montano’, nella sua prima amichevole della nuova stagione, otto mesi circa dopo l’ultima uscita (16 febbraio, a Imola: sembra un secolo fa..), il Livorno Rugby si è imposto sui Cavalieri Prato/Sesto 29-24. Prestazione ricca di sostanza da parte dei ragazzi di Marco Zaccagna. I labronici, imbottiti di giovani e giovanissimi, hanno messo in mostra, in questo secondo sabato del mese di ottobre, qualità di primo piano. Per una volta anche il risultato di una gara amichevole può avere un suo significato preciso. La vittoria, ottenuta con un favoloso break finale di 19-0, consente di gettare benzina sul fuoco dell’entusiasmo e dell’autostima. I Cavalieri, che non fanno mistero di puntare alle prime piazze della serie A (girone 3, il raggruppamento del sud Italia), avevano battuto appena sei giorni prima, a Sesto, con un perentorio 31-7, il Florentia, probabile concorrente dei livornesi nella lotta al vertice del campionato di B, girone 2 (il raggruppamento del centro). Proprio il Florentia sarà l’avversario del Livorno Rugby il prossimo 22 novembre, nella seconda giornata del torneo (al ‘Montano’). In precedenza, il 15 novembre, i biancoverdi giocheranno il derby cittadino (in ‘trasferta’, al ‘Priami’ di Stagno) contro i Lions Amaranto. Gragnani e compagni hanno intenzione di cominciare il campionato con il turbo azionato. Contro i Cavalieri, match disputato sulla canonica distanza di 80’, sia pur con l’inedita formula di quattro tempi da 20’ ciascuno. Nell’ultimo quarto, Zaccagna ha utilizzato il ‘quindici di partenza’. Tutti quanti i 29 elementi ruotati nel corso del confronto, sono parsi già in buone condizioni. A bersaglio l’attivo terza linea Emanuele Piras (due mete), il valido mediano di apertura Pietro Gaggero (l’ex Pro Recco ha bagnato il suo debutto assoluto con la maglia livornese con una meta e due trasformazioni), l’ala Nicola Martinucci (per il classe ’89, al ritorno quest’anno con i labronici, una meta) ed il giovanissimo trequarti Alessandro Gesi (il classe ’03 ha esordito in prima squadra con una meta). In gran spolvero il pilone classe ’02 Tommaso Ficarra (anche per lui debutto tra i seniores), i fratelli Leonardo e Alessandro Cristiglio e Dario Basha. Ma fare una classifica dei più meritevoli risulta difficile. La netta sensazione è che la squadra livornese abbia intrapreso la strada giusta. Manca più di un mese al via del torneo (ammesso che non ci siano novità, legate all’emergenza della pandemia…), non manca il tempo per crescere (soprattutto a livello atletico), ma, a livello tecnico e agonistico, le indicazioni del test contro i Cavalieri sono state davvero incoraggianti. I conti tornano. Zaccagna, nel primo e nell’ultimo segmento della partita ha utilizzato questo schieramento: Neri; Esposito, Ianda, Cristiglio L., Martinucci; Gaggero, Zannoni N.; Basha, Merani, Piras; Gragnani Gia. (cap.), Castellani; Ciapparelli G., Bufalini, Ficarra. Entrati nel corso della gara anche Andreotti, Migliori, Menicucci, Mattei, Freschi, Cristiglio A., Gesi A., De Donato, Pardini, Stiaffini, Zannoni G., Angiolini, Sforzi, Vellutini.