8 marzo, 11 aprile e 25 luglio sono le date cerchiate di rosso dai dirigenti, dagli allenatori e dai giocatori di numerosissime realtà della palla ovale italiana. Tra di loro anche i dirigenti, gli allenatori e i giocatori della prima squadra del Livorno Rugby (pronta, per la nona stagione consecutiva, a disputare la serie B) e delle rappresentative biancoverdi under 18 e under 16 (la prima al via nel campionato élite giovanile e la seconda, almeno inizialmente, al pari di tutte le altre formazioni della propria categoria, nel campionato regionale). Secondo quanto stabilito dalla prima riunione del 2021 del Consiglio Federale, gli allenamenti con il classico contatto (e anche le sedute congiunte e le amichevoli) per le formazioni di B, under 18 e under 16 maschili (al pari di A, C1 e C2 maschili, serie A, Coppa Italia, under 18 e under 16 femminili) saranno consentiti solo dall’8 marzo. Fino a quel lunedì sono permesse esclusivamente sedute personalizzate di carattere fisico-atletico. L’11 aprile scatteranno i campionati, che, al massimo, potranno concludersi il 25 luglio. Le formule dei tornei saranno rese note tra circa un mese. In B, in tutto, saranno impegnate 46 formazioni. Le formule precedentemente annunciate prevedevano la divisione di tali formazioni in 4 zone geografiche (nord-ovest, nord-est, centro e sud), a loro volta, inizialmente, divise in 8 poule territoriali. Livorno Rugby inserito nella poule B del girone 2, quello del centro Italia.  Il Consiglio Federale, qualora l’evoluzione della pandemia dovesse impedire la regolare disputa dei campionati 2020/21 come programmati, ha annunciato l’ipotesi di un ‘piano B’, con attività agonistiche da svolgersi a livello locale e con il supporto organizzativo dei Comitati Regionali. Insomma, non è da escludere che i tornei di A, B e C1 si riducano a campionati regionali. In Toscana, sono attive due squadre in A (Cavalieri Prato/Sesto e I Medicei Firenze), quattro in B (Livorno Rugby, Florentia, Lions Amaranto Livorno e CUS Siena) e sette in C1 (UR Arezzo, Cavalieri Prato/Sesto ‘B’, Amatori Cecina, Elba, Firenze1931, Gispi Prato e I Medicei Firenze ‘B’). Non resta che attendere: per ora i giocatori biancoverdi (inclusi quelli delle rappresentative under 18 e under 16 che avrebbero mezzi per puntare a importanti traguardi nei campionati di categoria) possono limitarsi solo ad allenamenti senza contatto.