LIVORNO RUGBY – JESI 69-0

LIVORNO RUGBY: Stiaffini (28’ st Menicucci); Zannoni N., Ianda, Cristiglio L., Citi; Gaggero, Tomaselli J.; Basha, Merani (5’ st Castellani), Piras (1’ st Lavorenti F.); Gragnani Gia. (cap.) (5’ st Baldi), Cristiglio A. (23’ st Pardini); Ficarra, Bufalini (32’ pt Mattei), Ciapparelli G. (13’ st Andreotti). All.: Marco Zaccagna.

JESI’70: Carosi (21’ st Pietrini); Ramazzotti (30’ st Faccenda), Trillini, Pulita (cap.) (21’ st Tomassoni), Marchegiani; Fanesi, Bruciaferri N.: Boria (11’ st Marinelli), Loccioni, Sandroni; Feliciani (21’ pt Capalti) (14’ st Della Lunga)) Leaua; Cappuccini, Piergirolami, Bruciaferri E. (14’ st Silvi). All.: German Greco.

ARBITRO: Riccardo Fagioli di Roma.

MARCATORI: nel pt (43-0) 1’ m. Basha, 8’ m. Piras tr. Gaggero, 11’ m. Merani, 22’ m. Citi tr. Gaggero, 24’ m. Piras tr. Gaggero, 29’ m. Ianda tr. Gaggero, 36’ m. Cristiglio A.; nel st 12’ m. Zannoni A. tr. Gaggero, 20’ m. Cristiglio L. tr. Gaggero, 27’ m. Citi, 39’ m. Basha tr. Gaggero.

NOTE: in classifica 5 punti per Livorno (che ha vinto e si è assicurato il bonus attacco; 11 le mete realizzate) e 0 per Jesi (battuto con un margine superiore alle sette lunghezze; nessuna meta realizzata). Espulsioni temporanee per Basha (18’ pt) e Marchegiani (26’ pt).

LIVORNO. Definirla ‘partenza col bòtto’ risulta persino riduttivo. Il Livorno Rugby inizia la sua avventura nel nuovo campionato con una prova ricchissima di contenuti e di marcature. In casa, di fronte ad un bel pubblico – e con tanti ragazzini del settore propaganda che hanno accompagnato i propri beniamini al centro del campo prima dell’inizio del confronto – la formazione allenata da Marco Zaccagna si è imposta 69-0 sullo Jesi. Un punteggio fin troppo eloquente sull’andamento di una sfida a senso unico, nella quale i padroni di casa hanno messo in evidenza grandi qualità. Indipendentemente dall’ingente bottino di mete messe a segno (11), la squadra labronica – nella circostanza in tenuta blu – è stata capace di giocare un rugby di alto livello per la categoria.

Tutto è funzionato in modo brillante. I biancoverdi jesini, pur evidenziando una lodevole volontà, hanno potuto opporre ben poca resistenza di fronte ad un avversario così valido ed organizzato. La prima giornata di serie B, girone 2, ha confermato come le tre favorite per la prima piazza (l’unica posizione utile per centrare il salto di categoria) siano di un gradino (e nei confronti di alcune formazioni anche più di un gradino…) superiori al resto del lotto.

Le tre favorite sono – in ordine alfabetico – Florentia, Livorno e Parma’31. Gragnani e compagni, domenica prossima, nel quadro della seconda giornata, osserveranno un turno di riposo, per poi, il 31 ottobre, proprio contro il Parma’31, in trasferta, giocarsi già una fetta importante dell’intera stagione. I punti negli scontri diretti tra le ‘big’ varranno triplo… I risultati di questo turno d’apertura: Roma Olimpic – Modena 22-15 (4-1 in classifica); Florentia – Imola 82-5 (5-0), Valorugby cadetto – Lions Amaranto Livorno 7-26 (0-5); Parma’31 – CUS Siena 77-0 (5-0); Livorno – Jesi 69-0 (5-0). Riposava il Formigine. La prima classifica: Florentia, Parma’31, Livorno e Lions Amaranto Livorno 5 p.; Olimpic Roma 4; Modena 1; Imola, Valorugby cadetta, CUS Siena, Jesi e Formigine* 0. *Il Formigine figura con una partita in meno.

Gli scatenati labronici hanno impiegato solo 55 secondi dopo il calcio d’inizio per sbloccare il punteggio. In meta il terza centro (e allenatore della mischia) Basha: 5-0. Locali lucidi e spietati: meta del flanker Piras all’8’ trasformata dall’apertura Gaggero per il 12-0. È un monologo: un altro uomo di terza linea, Merani, schiaccia oltre la linea bianca ospite, 17-0 all’11’. I marchigiani provano a reagire. Livorno, con le buone e con le cattive (giallo per Basha al 18’) impediscono la realizzazione degli ospiti. Sia pur in momentanea inferiorità numerica, Livorno è irresistibile in attacco: la meta dell’ala Citi permette già al 22’ (!) di mettere in ghiaccio il bonus-attacco, 24-0. Lo show labronico non finisce: seconda meta personale di Piras (sempre con l’uomo in meno) e trasformazione di Gaggero, per il 31-0 al 24’. Jesi è alle corde: giallo per Marchegiani (reazione su Piras dopo la meta) e Livorno, impietoso, ne approfitta per realizzare, prima dell’intervallo, altre due mete, con le firme del centro Ianda (29’) e del seconda linea Alessandro Cristiglio (36’), condite da una trasformazione di Gaggero.

Al cambio di campo, labronici in vantaggio 43-0. I livornesi non sono paghi. Ogni tentativo jesino viene respinto al mittente. Splendida la meta in contropiede dell’ala Nicola Zannoni (12’), trasformata da Gaggero (50-0). Poi (20’) deposita sotto i pali il centro Leonardo Cristiglio (Gaggero trasforma per il 57-0). Nel finale, nuova meta di Citi (27’) e nuova meta di Basha (39’). Gaggero condisce con una trasformazione per il 69-0 finale. Unica nota stonata, l’infortunio al ginocchio del valido tallonatore Bufalini: la speranza è che possa recuperare per la gara del 31 a Parma.