A giudicare dagli ottimi risultati delle partite fin qui disputate e dal brillante gioco espresso, sono legittime, per il Livorno Rugby under 16, importanti ambizioni. Dopo aver chiuso, nello scorso mese di dicembre, al primo posto – con un filotto di soli successi – il campionato toscano, i biancoverdi allenati dalla coppia Ljubi – Borgiotti non nascondono la volontà di puntare a prestigiosi traguardi anche a livello nazionale. Le migliori otto squadre del centro Italia (l’area che comprende Toscana, Emilia-Romagna, Marche, Umbria e Sardegna) sono state divise, su base territoriale, in due poule. Al termine della nuova fase, lunga dieci giornate (ogni squadra affronta, in gare di sola andata, anche le quattro dell’altro girone, nella cosiddetta ‘parte conference’), le prime di ciascun girone si troveranno di fronte, nella ‘finale d’area’, in campo neutro. La vincente di tale sfida, in agenda in 31 maggio, oltre ad aggiudicarsi il cosiddetto ‘Trofeo dell’Appennino’ passerà alla final-four per il titolo italiano. Accederanno alla final-four tricolore anche le vincenti del girone del nord-ovest, del nord-est e del sud Italia. Per ora, nella fase interregionale, si sono giocate tre giornate (una delle quali valida per la fase conference). All’attivo del Livorno Rugby due larghe vittorie condite dal bonus-attacco – in casa con Perugia e Firenze’31 ‘1’  – e nella prima gara conference – nella sfida esterna con il Colorno, vittorioso del girone dell’Emilia-Romagna – un pareggio-qualità (15-15). Questa la situazione dei due gironi (ovviamente i punti conquistati nelle gare conference fanno classifica, ma ogni squadra ‘figura’ solo nella propria poule). Poule ‘1’: Livorno 12 p.; Cavalieri Prato/Sesto ‘1’ 10; Perugia 5; Firenze’31 ‘1’ 0. Poule ‘2’: Parma’31 13 p.; Colorno 12; Bologna’28 5; Pesaro 2. In questa prima domenica del mese di marzo si sarebbe dovuto disputare a Parma il Torneo Federale Selezioni Regionali Maschili Under 16. Per tale evento, a rappresentare la Toscana, erano stati convocati anche i biancoverdi Giacomo Bradac, Tommaso Casini, Luigi Freschi, Lorenzo Nanni, Andrea Rossi, Davide Santuari, Gabriele Borgi e Samuel Isozio (quest’ultimo, infortunato, non era comunque disponibile). Il Torneo è stato annullato: la Federazione Italiana Rugby, come noto, facendo seguito alle ordinanze disposte dalle autorità competenti e del CONI in tema di contenimento dell’emergenza epidemiologica in atto, ha assunto lunedì scorso il provvedimento di sospendere tutta l’attività del fine settimana 29 febbraio – 1 marzo. Il prossimo impegno di campionato per il Livorno Rugby è in agenda domenica 8 marzo (ore 11) sul campo amico ‘Giovanni Maneo’. I labronici se la vedranno con i Cavalieri Prato/Sesto ‘1’, la squadra su cui far la corsa nella lotta per la prima piazza nel proprio girone. Le due compagini si sono trovate di fronte, nel corso della stagione, già lo scorso 15 dicembre, in occasione della finale regionale. Pur in formazione largamente rimaneggiata, i labronici si erano imposti in quella occasione 10-5. Bissando quel successo, i livornesi metterebbero una seria ipoteca sul passaggio alla finale del 31 maggio. Nelle due domeniche successive, i biancoverdi giocheranno in casa con il (non irresistibile) Pesaro e poi a Sesto Fiorentino la gara di ritorno con i Cavalieri ‘1’. La netta sensazione è che già il 22 marzo, si saprà quale sarà la squadra toscana chiamata a disputare l’atto conclusivo del Trofeo dell’Appennino.