Quando le schedine del totocalcio facevano diventare miliardari, si soleva dire ‘ha fatto tredici’. Il Livorno Rugby under 18 non è diventato miliardario, ma, ugualmente è contento perchè ‘ha fatto tredici’. Tante sono le vittorie consecutive conquistate dalla squadra biancoverde nel campionato élite di categoria, girone del centro Italia. Gli scatenati ragazzi allenati dal quartetto Isozio-Gesi-Squarcini-Morganti si sono imposti, in questa ultima domenica del mese di febbraio, sul campo del Colorno, alle porte di Parma. Ancora un’affermazione convincente e, soprattutto, condita dal bonus-attacco per i labronici, primi in graduatoria con 64 punti su 70 disponibili. Questa la classifica dopo 14 turni (4 alla fine): Livorno 64 p.; Firenze 61; Cavalieri Prato/Sesto 52; Valorugby 48; Parma’31** 32; Modena** 22; Lyons Piacenza* 20; Perugia 18; Colorno 15; Romagna* 4. *Lyons e Romagna una gara in meno. **Parma’31 e Modena due gare in meno. Le prime di ciascuno dei quattro gironi zonali del campionato élite passano direttamente ai due gironi delle ‘big’ (entrambi composti da quattro formazioni) che sanciranno le finaliste del titolo italiano. In questi due gironi, parteciperanno anche le vincenti dei barrage tra le seconde e le terze dei raggruppamenti iniziali. A Colorno, partenza con il botto degli ospiti. Pochi minuti dopo il calcio d’inizio, il pilone labronico Nanni va a bersaglio, dopo una maul successiva a touche. L’apertura Alessandro Gesi trasforma: 0-7. Il pallino del gioco è saldamente in mano ai biancoverdi, che allungano con la seconda meta (stavolta a segno il centro Cristiglio), ancora trasformata dal minore dei fratelli Gesi: 0-14. E’ lo stesso Alessandro Gesi a siglare in velocità la nuova marcatura livornese (lo stesso numero dieci trasforma: 0-21 all’intervallo). Gli emiliani accorciano in apertura di ripresa: 5-21. La meta-bonus, per la capolista, è nell’aria e viene firmata da Simone Gesi, nell’occasione centro. Suo fratello Alessandro arrotonda con la nuova trasformazione: 5-28. Il Colorno riduce il margine (12-28). Dopo un attacco, tirato in più fasi, sono gli ospiti a realizzare la quinta meta (autore il mediano di mischia Simi), con Alessandro Gesi ancora preciso nella successiva trasformazione: 12-35. Nel finale, terza meta dei locali, per il definitivo 17-35 (0 punti a 5 in classifica). Lo schieramento labronico (dal pilone all’estremo): Nanni, Mattei, Ficarra; Liperini, Gragnani; Eliseo, Giusti, Baldi; Simi, Gesi A.; Meini, Cristiglio, Gesi S., Piram; Orsini. Entrati anche: De Rossi, Andreotti, Campanile, Nicastro, Lavorenti, Vallati.