Dieci e lode all’under 18 del Livorno Rugby. Gli scatenati biancoverdi guidati dal quartetto di tecnici Isozio – Gesi – Squarcini – Morganti hanno inanellato la decima vittoria consecutiva ed hanno così consolidato il loro primato nel girone del centro Italia del campionato élite di categoria. I labronici, in questa ultima domenica del mese di gennaio, si sono imposti 26-27 a Parma, sul non facile campo degli Amatori Valorugby (franchigia che unisce le forze di Amatori Parma e Reggio Emilia). Entrambe le (ottime) squadre hanno siglato 4 mete. In classifica, dunque, 2 punti per i padroni di casa – che conservano la terza posizione – e 5 per i livornesi, che così allungano in graduatoria (i Medicei Firenze, secondi, si sono dovuti accontentare di un successo senza bonus in casa con il Parma’31). E’ davvero invidiabile la situazione in classifica dei biancoverdi, più che mai considerato che in queste prime due giornate del girone di ritorno hanno già affrontato le altre due formazioni sul podio. Al termine di questa fase, le prime di ciascun girone passeranno direttamente alle final-eight del campionato nazionale, dove saranno raggiunte dalle vincenti dei barrage in programma tra le seconde e le terze. La classifica dopo 11 giornate (9 al termine): Livorno 49 p.; Firenze 47; Valorugby 43; Cavalieri Prato/Sesto 37; Parma’31* 28; Modena* 22; Lyons Piacenza 20; Colorno 14; Perugia 10; Romagna 3. *Parma’31 e Modena una partita in meno. In terra ducale è andata in scena una gara ricca di spunti e di emozioni. All’8’ il trequarti centro biancoverde Cristiglio sigla la prima meta del confronto: 0-5. Risposta immediata degli emiliani, che rovesciano la situazione con una meta trasformata: 7-5. Espulsione temporanea per il seconda linea labronico Lavorenti. I locali ne approfittano per allungare sul 14-5. Il Livorno Rugby non si scompone e non si disunisce. La meta del terza linea Tori, trasformata dal mediano di apertura Alessandro Gesi, permette di chiudere la prima frazione in ritardo solo di 2 lunghezze (14-12). Gli Amatori Valorugby, in avvio di ripresa, segnano la terza meta: 19-12. I biancoverdi restano lucidi: Gesi realizza la meta e la successiva trasformazione, portando il punteggio sulla parità (19-19). Lo stesso Gesi indirizza poi tra i pali il piazzato del 19-22. Gli emiliani rimediano due cartellini gialli nella parte centrale del secondo tempo. In superiorità numerica, i livornesi siglano la meta-bonus. A bersaglio il centro e capitano Capozzi: 19-27. Allo scadere, con gli avversari a ranghi incompleti (espulsioni temporanee per Capozzi e Tori) i locali trovano la loro quarta meta (trasformata), per il 26-27 conclusivo. Una gran bella partita. Una gara vera, nella quale i livornesi hanno confermato le proprie qualità tecniche e caratteriali. Lo schieramento iniziale (dal pilone all’estremo): Andreotti, Nannoni, Ficarra; Liperini, Lavorenti; Mattei, Angiolini, Baldi; Tomaselli, Gesi; Meini, Cristiglio, Capozzi, Piram; Zannoni. Entrati anche: Schillaci, Nanni, Nicastro, Gragnani, Tori, Simi e Vallati